Bonus idrico

CHE COS’È?

Con la deliberazione 897/2017/R/idr e l’allegato TIBSI, l’Autorità dà attuazione al bonus sociale per la fornitura idrica degli utenti domestici residenti in condizioni di disagio economico sociale, prevedendo, mediante l’introduzione di regole uniformi per l’intero territorio nazionale, l’istituzione di un bonus sociale idrico.

 

CHI NE HA DIRITTO?

In particolare il TIBSI, con riferimento all’individuazione dei soggetti beneficiari del bonus sociale idrico, prevede che gli aventi diritto all’agevolazione siano gli utenti domestici residenti in condizioni di disagio economico sociale:

  1. appartenere ad un nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a € 8.265,00;
  2. appartenere ad un nucleo familiare con almeno 4 figli a carico (famiglia numerosa) e indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro;
  3. appartenere ad un nucleo familiare titolare di Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza.

Uno dei componenti del nucleo familiare ISEE deve essere intestatario di un contratto di fornitura elettrica e/o gas e/o idrica con tariffa per usi domestici e attivo, oppure usufruire di una fornitura condominiale gas e/o idrica attiva. Ogni nucleo familiare ha diritto a un solo bonus per tipologia – elettrico, gas, idrico – per anno di competenza.

 

COSA CAMBIA?

Dal 1° gennaio 2021 gli interessati non dovranno più presentare la domanda per ottenere i bonus per disagio economico presso i Comuni o i CAF.

Sarà sufficiente che ogni anno, a partire dal 2021, il cittadino/nucleo familiare presenti la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per ottenere l’attestazione ISEE utile per le differenti prestazioni sociali agevolate (es.: assegno di maternità, mensa scolastica, bonus bebè ecc.)

Se il nucleo familiare rientrerà in una delle tre condizioni di disagio economico che danno diritto al bonus, l’INPS invierà i suoi dati (nel rispetto della normativa sulla privacy e delle disposizioni che l’Autorità stà definendo in materia riconoscimento automatico dei bonus sociali per disagio economico) al Sistema Informativo Integrato (SII), che incrocierà i dati ricevuti con quelli relativi alle forniture di elettricità, gas e acqua, permettendo di erogare automaticamente i bonus agli aventi diritto.

Eventuali domande presentate dal 1° gennaio 2021 in poi quindi non potranno essere accettate dai Comuni e dai CAF e non saranno in ogni caso valide per ottenere il bonus.

 

 

 

QUALI BONUS VERRANNO EROGATI AUTOMATICAMENTE

Ai cittadini/nuclei familiari aventi diritto verranno erogati automaticamente (ossia senza necessità di presentare domanda):

  • il bonus elettrico per disagio economico
  • il bonus gas
  • il bonus idrico

COME ARRIVA LO SCONTO?

Il bonus idrico verrà erogato:

  • agli utenti diretti, cioè titolari di un contratto di fornitura idrica, direttamente in bolletta mediante l’applicazione, pro-quota giorno, di una componente tariffaria compensativa espressa in euro per anno;
  • agli utenti indiretti (es: forniti con un contratto condominiale), mediante il riconoscimento di un contributo una tantum, determinato con le modalità stabilite autonomamente dal gestore, adottando procedure idonee sia alla tracciabilità delle somme erogate che all’identificazione del soggetto beneficiario.

 

QUAL È L’IMPORTO DEL BONUS?

Il bonus acqua garantisce la fornitura gratuita di 18,25 metri cubi di acqua su base annua (pari a 50 litri/abitante/giorno) per ogni componente della famiglia anagrafica dell’utente. Il bonus garantirà, ad esempio, ad una famiglia di 4 persone di non dover pagare 73 metri cubi di acqua all’anno. La quantità dei 18,25 metri cubi di acqua è stata individuata dal decreto del Presidente e viene moltiplicata per il numero di componenti della famiglia anagrafica e per la somma delle seguenti tariffe:

  • tariffa agevolata determinata per la quota variabile del corrispettivo di acquedotto;
  • tariffa di fognatura individuata per la quota variabile del corrispettivo di fognatura;
  • tariffa di depurazione individuata per la quota variabile del corrispettivo di depurazione.

 

VALIDITÀ DEL BONUS (DURATA)

Il “bonus idrico” verrà erogato per un periodo di dodici mesi (rinnovabile).

 

ALLEGATI PER PRESENTAZIONE DSU:

MODULO A: DOMANDA NUOVA O RINNOVO

MODULO RS: DOMANDA DI RINNOVO SEMPLIFICATA

 

 

IMPORTANTE!!

Si comunica che a partire dal 04/11/2019 Medio Chiampo SPA
ha attivato la propria piattaforma per l’iscrizione all’Albo Fornitori e per gli acquisti in via telematica.

 

Si invitano quindi tutti gli operatori economici interessati
ad accedere alla stessa al fine di procedere con l’iscrizione.